• Il Comune è sempre aperto!
    Tutte le informazioni per le tue pratiche.
  • Tutte le informazioni (persone, tempi, costi e tanto altro)
    e la modulistica necessaria!
  • Il Comune a casa tua!

Acquisto cittadinanza italiana IURE SANGUINIS

Riferimenti del Procedimento

Codice procedimento: SC04

Ufficio di riferimento: Ufficio Stato Civile

Responsabile del Procedimento: Arrigoni Slvestro - Sindaco ed Ufficiale di Stato Civile

E-mail: comunedivedeseta@tin.it

Telefono: 0345-47036

Soggetto con potere sostitutivo: ---

E-mail Sostituto: ---

Telefono Sostituto: ---

Descrizione Procedimento

Il cittadino straniero con origini italiane, residente in Italia, può chiedere al Comune di residenza il riconoscimento dello status civitatis italiano; a tal fine deve documentare la discendenza da avo italiano emigrato all’estero.

Modalità di presentazione della richiesta
Lo straniero con origini italiane deve presentare istanza all’ufficio di stato civile del comune di residenza.
L’ufficiale di stato civile verifica la regolarità della documentazione prodotta, rapportandosi con i consolati italiani per eventuali riscontri. Il procedimento si conclude con il riconoscimento della cittadinanza italiana e la conseguente trascrizione dell’atto di nascita dell’interessato.

Requisiti

Cittadino straniero con origini italiane.

Documentazione Necessaria

  • copia di un documento di riconoscimento;
  • gli atti di nascita e di matrimonio (tradotti e legalizzati) relativi all'avo italiano emigrato all’estero e a tutti i discendenti fino al richiedente stesso;
  • il certificato rilasciato dalle competenti autorità italiane all’estero attestanti che l'avo ed i suoi discendenti non hanno perduto la cittadinanza italiana;
  • un documento rilasciato dalla competente autorità estera attestante che l’avo emigrato non acquistò la cittadinanza dello stato estero di emigrazione anteriormente alla nascita dell’ascendente dell’interessato.

Costo

€ 16,00 - l’ istanza è soggetta all'assolvimento dell'imposta di bollo

Normativa

Artt. 23 ss. DPR 396/2000;

L. 555/1912 e L. 91/92;

Circolare del Ministero dell’Interno K 28.1 dell’08/04/1991

Tempistica

180 giorni dal ricevimento dell’ istanza